La parola ai giurati

Siamo andati alla prima del Teatro del nostro paesello (quest’anno ci siamo concessi il lusso dell’abbonamento tutto compreso), il primo spettacolo in programmazione era “La parola ai giurati” con Alessandro Gassman come esca di richiamo per noi pesciolini profani. Lo spettacolo è durato due ore e mezza ed il piccolo Teatro era colmo di uomini e donne variopinte ed imbellettate, pronte a quell’avventura promessa dal cartellone.

Siamo stati contenti di vedere che Alessandro Gassman, nonostante la bravura, il nome ed i sospiri delle donne della sala, non era l’unico bravo attore in scena. Tutti meravigliosamente reali hanno saputo tenere le due ore e mezza nel palmo delle mani facendo fremere ed attanagliando il pubblico in sala. E con le sedie che ci sono nei teatri bisogna essere bravi davvero. La trama della rappresentazione, conosciuta o meno che fosse non intaccava minimamente l’attenzione di noi tutti verso il palco ed al termine ci siamo beati tutti insieme della piacevole serata. Abbiamo applaudito senza interruzioni per 10 minuti. Dopo i primi 5 le mani hanno cominciato a formicolare, dopo 7 a formicolare in modo preoccupante, al termine dei 10 non c’è più nulla di cui preoccuparsi.

Il problema alla fine di ogni spettacolo è solo questo: la gente che va a Teatro lo sa che mettersi il cappotto mentre gli attori sono ancora sul palco a raccogliere gli applausi è da cafoni?

Annunci

Lascia un commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...