Facebook e altre amenità

Devo dire che ultimamente mi faccio sempre più domande riguardo alla tecnologia ed a tutto ciò che essa ha modificato nella mia vita.

Fino a pochi anni fa ero totalmente contraria alla continua evoluzione della telefonia, dei social network, della digitalizzazione a tutti i costi. Ancorata alla mia idea di “bisogna guadagnarsi tutto con fatica” non riuscivo a farmi andare giù le ricerche scolastiche da wikipedia, le ricette spiegate passo passo da you tube, la facilità con cui tutti potevano inviarsi foto subito dopo averle scattate.

Mi dicevo: tutti possono fare tutto, dove e quando vogliono. Tutti saremo uguali, quindi, omologati dalle stesse possibilità e nessuno potrà più emergere dalla massa perchè è speciale. Saremo tutti speciali, quindi tutti ordinari. Un po’ come vivere tutti su Krypton senza poter mai scendere sulla terra.

Un pochino mi sto ricredendo. In parte perchè ho potuto constatare che è comodo poter guardare le mappe in mezzo al nulla quando ci si perde. Un po’ perchè mi piace wazzappare con gli amici per organizzare le cene e le uscite. E’ comoda la tecnologia. E non è poi così vero che le ricette passo passo su you tube le possono fare tutti, serve comunque impegno e costanza per diventare bravi in qualcosa, anche nel fare le foto.

Sicuramente stiamo diventando tutti più egocentrici. Tutti con una gran voglia di arrivare agli occhi degli altri, di apparire per ciò che siamo o che facciamo.

Chi con facebook, chi con twitter, chi con il blog.

Sì devo dire che piace anche a me lasciar andare i miei post nel cyberspazio senza preoccuparmi più di niente se non pensare, ogni tanto, a quante persone leggeranno fino all’ultima riga i miei articoli.

L’unico oggetto di  che continuo a discriminare resta, alla fine, Facebook. Come social network lo trovo spocchioso e terribilmente ego-incentivante.

Mettere continuamente foto, scrivere e aggiornare gli status, fare campagne, lotte sociali, tutto da casa. Tutto e subito.

L’altro giorno sono andata sul profilo di Andre e mi sono messa a cercare vecchie compagne di scuola, vecchi fidanzati, vecchie conoscenze. E tutti era lì, a portata di clic.

Potevo vedere tutte le loro foto, le loro relazioni, cosa pensano, quanto si amano. Terribile. Potevo (e ci ho provato eh!) salvarmi le foto dei loro figli sul pc senza che nessuno potesse fare nulla. E’ raccapricciante. Contando che Andre non è “amico” di queste persone la cosa si fa sempre più grave. Le foto dei propri bambini è una delle ultime frontiere (infrante) della stupidità umana. Potevo essere chiunque, io che guardavo. Mi si è accapponata la pelle. Cosa c’è di più puro e sacro dell’immagine gioiosa di un bambino?  Quando si mettono le proprie foto su internet si perde totalmente il loro controllo è questo su cui bisogna ragionare. Noi adulti possiamo assumercene i rischi, ma i bambini?

Vebbè, si è capito ormai come la penso.

Tutti siamo raggiungibili, quindi, sempre e comunque. Ma raggiungibili non vuol dire ricercati. Vuol dire che potenzialmente ci potrebbero trovare tutti se volessero. SE.

Annunci

One thought on “Facebook e altre amenità

  1. molto interessante la tua riflessione sulle foto dei bambini, anche a me lasciano molto perplessa in effetti. un abbraccio forte a tutta la famiglia!

Lascia un commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...