Maschi e femmine

Nota introduttiva: questo post narra di avventure realmente accadute ma, ovviamente, tutto quello che viene riportato, è stato adattato per proteggere la privacy dei protagonisti. I luoghi descritti e le persone nominate non sono quelli reali.

La scuola è iniziata da appena un mese e chi, come me, ha a che fare con una sezione dei più piccoli ha molto da fare. Avere tre anni oggi, di certo, non è come averli avuti negli anni ’80. Adesso, a tre anni, c’è chi ancora porta il pannolino, chi usa il ciucio e chi non sa nemmeno dire se si è pisciato addosso. Roba da far rizzare i capelli.

Comunque, anche se l’idea è molto allettante, non scriverò a proposito dell’inettitudine della maggior parte dei genitori contemporanei, del loro sapere tuttologo a scapito dell’autonomia dei propri figli, del sostituirsi in tutto a loro per poi aspettarsi magicamente che, a sei anni, sappiano fare tutto quello che ci si aspetta. No. E’ allettante ma non parlerò di questo.

Voglio raccontarvi di un episodio che è accaduto ieri in sezione: io e la mia collega abbiamo deciso di cominciare a trattare le differenze di genere con i bambini e, dopo una discussione con loro nell’assemblea di sezione abbiamo raggiunto la conclusione che i maschi avessero il pipillino e le femminucce la patatina.

Bene. Goal achieved.

simboli

Decidiamo, per rendere più significativa la competenza,  di dividerli in due gruppi (ovviamente per genere) e così diciamo ai bambini seduti in assemblea:

“Tutti i maschietti, cioè quelli che hanno il pipillino, vadano di qua, e tutte le femminuccie, che hanno la patatina, vadano da questa parte”.

Tutti si smistano nelle rispettive parti mentre Giorgio viene verso di me e mi dice: “Tata, io ho il cazzo, dove devo andare?”

Annunci

5 thoughts on “Maschi e femmine

  1. ma nooooooooo!!! che sconforto! piccoli uomini delle caverne crescono…innaffiati da genitori altrettanto cavernicoli che minano il lavoro di tate intelligenti!!!!
    (@anna b.: ahahaha…che paura!!!! )

  2. Tremendo…..sorvolo sull’accenno che hai fatto riguardo all’attuale generazione di genitori, purtroppo quoto in pieno,avrei mille aneddoti da psicopedagogista e figlia di maestra in scuola pubblica (o insegnante di scuola primaria, che nobilita! 😉 )…..pero’ , un appuntino: non condivido l’uso di eufemismi come pipillino o patatina, nemmeno rivolgendosi ai bambini in eta’ prescolare. Le parole non hanno in se’ alcuna valenza “sporca” , dov’e’ il problema nell’insegnare ai bambini il nome corretto dei loro genitali? Pene e vagina non sono parolacce o termini di cui vergognarsi, l’utilizzo di nomignoli porta invece i pargoletti a percepire qualcosa di sbagliato nel termine “vero”. Nessuna polemica, solo un reale interesse nel capire la ragione dj questa scelta. Buona serata!

  3. Cara Silvia, sono perfettamente d’accordo con te riguardo alla maggiore sensatezza e rispetto che implicano parole come “pene/vagina”. Sono termini corretti e non ridicolizzano gli apparati sessuali come i “patatina /pipillino” di cui sopra. Io ho parlato spesso di questa questione con colleghe ed amici ( anche in famiglia , per la verità ). Mi hanno sempre risposto tutti, sensa eccezione , che pene e vagina sono nomi troppo “seri” per i bambini e che non è giusto nei loro confronti… la mia replica, te la faccio breve, rimarcava l’importanza della giusta dignità del pene e la vagina in quanto questa, seppur socialmente accettata nomea, comporterebbe uno svilimento dell’ organo in sé con il conseguente svilimento ed oggettizzazione dell’apparato sessuale. Io sono inoltre molto convinta che per la maggior parte della questione sia responsabile la religione cattolica.
    Comunque , a parte tutto, spero di aver risposto. Grazie per la tua splendida domanda, mi fa piacere sapere di non essere la sola a pensarla così. Spero passerai ancora di qui!:)

Lascia un commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...