Bukowski era ieri – Bukowski was yesterday

[for e english version scroll down below]

Sto pensando al vecchio Charles, da un po’ di giorni.

Nello specifico sto pensando che non sconvolgerebbe più nessuno, poverino.

Chissà come ci rimarrebbe.

Forse non gli fregherebbe. O forse urlerebbe.

Io urlerei

Perchè sì, è vero tutti sono grandemente ribelli oggi. Tutti maledetti, alla ricerca della perfetta forma estetica del proprio dolore.

Quello che sconvolge è vedere un atto di gentilezza fine a se stesso; vedere arrossire una ragazza alla quale è stata rivolta una domanda inaspettata. Il sorriso un po’ ebete di chi si perde nel sole.

E’ la semplicità che sciocca, destabilizza.

Anche i vecchio Charlie era semplice, a modo suo. Era vero. Non pretendeva di essere niente di meglio, per questo gli credo.

Possiamo ammettere che a volte indugiasse troppo tra le rughe del suo personaggio, ma chi non sarebbe tentato di uscire tutte le sere con un alcolizzato figlio di puttana?

Io, se lo fossi, starei sempre nella parte. Solo che poi è il personaggio che comanda e bisogna nutrirlo, il bastardo. Essere figli di puttana alcolizzati, scopatori e disadattati richiede un sacco di energia. Di nutrimento. Altrimenti si corre il rischio di essiccare come un cordone ombelicale sotto spirito.

Bukowski oggi non sarebbe più Bukowski.

Sarebbe Charlie, quello che ha sempre la camicia fuori dai pantaloni, che esce in ciabatte sotto la pioggia, che si passa la mano sotto al naso perchè non ha mai il fazzoletto. Quello che beve perchè ha una vita di merda.

Ma quando ti capita la vita che altro puoi fare se non bere e scrivere?

Dunque il vecchio Charlie, vestito come uno a cui non frega niente (perchè non gliene frega effettivamente niente), che parla d’amore alle puttane e che puzza un po’ di chiuso, oggi non sarebbe niente. Uno in mezzo a milioni di Uno che pensano di essere talmente estremi da poter evitare il pranzo domenicale.

Tutti finti, eh.

Tutti tranne Charlie. Lui credo si guarderebbe intorno con occhi cisposi e fisserebbe ognuno di questi succedanei nelle palle degli occhi.

Lui può perchè ha tempo.

Li fisserebbe, dicevo, trovando solo sguardi bovini in vestiti perfettamente alternativi. Poi berrebbe un sorso, aspirando tra i denti digrignati; annuirebbe lentamente, lentissimamente. E capirebbe.

Sarebbe d’accordo con me: oggi Bukowski non potrebbe esistere.

Per fortuna Bukowski era ieri.

charles-bukowski

“Sex is kicking death in the ass while singing” Ch. Bukowski

I’m thinking about old Charles, since few days.

In particular, I’m thinking that he couldn’t upset anyone today, poor thing.

Who knows how he would take this.

Maybe he doesn’t care. Or maybe he could yell.

I’d scream.

‘Cause yes, in the matter of facts we are all rebels today. All cursed, injuried, in search for the perfect aesthetic form for our own pain.

What upsets people today it’s to see an act of kindness for itself; to see a girl blush for an unexpected question. To smile as idiots while getting lost in the sunlight.

Simplicity itself, makes people blur.

Even the old Charlie was simple, in his own way. He was a true one. He did not claim to be any better than he is, so I believe him.

We can admit that sometimes linger too much between the lines of his character, but who would not be tempted to go out every night with an alcoholic son of a bitch?

If I were one, I would be forever in character. The only problem is that the character takes control and you have to feed him. To be an alcoholic motherfucker, screwed and misfit it requires a lot of energy. Nourishment. Otherwise you die  dry and twisted like an umbilical cord in alcohol.

Bukowski today would be no longer Bukowski.

Would be just Charlie, who has always untucked shirt, coming out in slippers while raining, who you passes his hand under the nose because he never  has the handkerchief. Who drinks ‘cause it has a shittie life.

But when life happens to you what else you can do, but drink and write?

Therefore the old Charlie, dressed as one who doesn’t care about (because he doesn’t give a fuck), who loves whores and stinks,  now would be nothing. One among millions of Ones who thinks they are so extreme to avoid  Sunday lunch.

All fakes, huh.

All except Charlie. I think he might see around him with bleary eyes and he would look each of these substitutes in their eyeballs.

He can because he has time.

He would stare at them,  finding only dull lookin’ eyes wearing perfectly alternatives clothes. Then he would drink a sip, inhaling between gritted teeth nodding slowly, very slowly. And finally understands.

He would agree with me: Bukowski today couldn’t exist.

Luckily, Bukowski was yesterday.

Annunci

Lascia un commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...