Jessica Fletcher e l’episodio delle lettere anonime

C’è qualcuno tra voi eretici che non conosce Jessica Beatrice Fletcher nata Mac Gee?

angela-lansbury-1Spero ben di no perché non mi va di scrivere lo spiegone. Se per caso sentite l’esigenza di approfondire o peggio! siete nati dopo l’anno 2000, potete cliccare qui ma sappiate che facendolo sentirete risuonare la mia voce garrula e solerte esclamare shame on you!

Detto questo, passiamo alle cose importanti. In uno degli episodi ambientati a Cabot Cove (nel Maine) una donna “vittima di incidente domestico in vasca da bagno” – che i più avveduti tra voi classificheranno già come vittima di omicidio di primo grado- aveva denunciato il suo assassino tramite una lettera che aveva fatto spedire da una fidata vicina qualche giorno prima di morire.

Ingegnoso e quanto mai inutile tentativo di prevenzione.

L’assassino sapendo della missiva e volendo mascherare le sue malefatte ha la brillante idea di scriverne un centinaio a mano, a macchina, su carta profumata, su carta bianca, su pergamena e di inviarle a tutti i cittadini rivelando i peccatucci di amici e parenti prossimi sperando, in questo modo, che quella che lo incolpa venga inghiottita e dimenticata nel mare di lettere anonime che lui stesso ha inviato. Perché se è vero che sa di essere stato denunciato tramite posta, non conosce l’effettiva forma del messaggio e questo lo porta a contraffarne di ogni foggia e colore.

Ovviamente Jessica riuscirà a smascherare il cattivone scoprendo che una ed una sola tra queste missive era stata spedita da un villaggio vicino e non da Cabot Cove (nel Maine). Jessica è sempre molto confortante.

angela-lansbury-4

Ma perché raccontarvi tutto questo? Ebbene: perché per arrivare al punto ho sempre bisogno di una introduzione per creare l’ambiance e farvi capire di cosa sto parlando senza risultare troppo didascalica. E poi perché mi andava.

L’argomento di oggi sono (rullo di tamburi) le informazioni, le fotografie, i messaggi da cui ogni giorno veniamo bersagliati. Come nel caso della lettera della Signora Fletcher, ci sono alcune immagini originali, scritti di indubitabile valore artistico che, purtroppo, vengono soffocate ogni istante dal mediocre lavorio dei cosiddetti “amatori”.

Potreste essere tentati di affermare che questo blog sia complice dello stillicidio artistico or ora denunciato. Vi rispondo che non sono mai andata a cercare nessuno, voi passate, leggete, a volte lasciate commenti o valutazioni, mi scrivete mail.

In ogni caso, controllando le statistiche pare siate in abbastanza e questo mi fa piacere, ovviamente. Se volessi mettermi al livello degli altri pagherei la pubblicità (cosa che mi sono sempre rifiutata stentoreamente di fare) e che va contro tutti i miei principi. Sarebbe come se avessi pagato per essere pubblicata. So sad.

angela-lansbury-2Ma torniamo alla vecchia Jess ed alla parabola che oggi applichiamo qui; ci sono ottime cose che vengono soffocate ogni giorno da miriadi di mediocri imitazioni, vorrei che tenessimo presente che l’eccellenza esiste ancora, e per favore, non stancatevi mai di cercarla. E’ sempre più difficile emergere o rintracciare il buono in tutto quello che vediamo e ascoltiamo ma la ricerca della migliore forma  espressiva è importante quanto il trovarla, alla fine.

Dixit.

Alla ricerca dei Padri perduti

Oggi ho letto un articolo che mi ha fatto molto arrabbiare.

E’ stato pubblicato dal giornale Huffington post (Italia) e tratta  della figura paterna.

Copio-incollo qualche estratto per darvi un’idea, se volete leggre tutto l’articolo cliccate qui!

Mammi per necessità, mammi per convinzione o indole, mammi perché è più facile fare la mamma che il papà, ma soprattutto mammi per moda! Ormai sono tanti, sono trasversali e sono senza pudore: si vantano di aver cambiato pannolini, di aver assistito al parto, portano i figli a scuola, al parco, li accompagnano in piscina e a fare sport, giocano con loro, li cullano, li addormentano, controllano i compiti o li aiutano a farli. Sono onnipresenti, premurosi, attenti, compiaciuti dei loro figli proprio come le mamme. Ma nell’esibizione del loro amore per la loro prole c’è qualcosa di forzato, dettato dalla moda, da una tendenza contagiosa…

padripadri2padri4

Ecco, se vi siete dati il tempo di leggere queste poche righe avrete certamente un’opinione in merito: Carla Falconi, l’autrice di questo articolo, descrive in modo dispregiativo e superficiale la figura del padre moderno – perché di questo si tratta, di padri- che, secondo lei esautorano la figura materna ricalcandola grottescamente.

Oltre a non condividere assolutamente la sua idea e visione, mi sono stupita di come una donna, nel XXI secolo, riesca ad avere un’idea così limitata e stereotipata della famiglia. Come se ci fosse quelcosa di male nel cambiare i pannolini (e vantarsene, poi!) L’essere premurosi e presenti non credo possa essere visto o interpretato come qualcosa di negativo in nessuna circostanza.

Ma lei, non paga, continua:

Eppure era così bello quando gli uomini non ne sapevano quasi niente di contrazioni, monitoraggi, tecniche di respirazione, e restavano fuori, ad aspettare nel corridoio, ansiosi, nervosi e preoccupati. E poi magari ti portavano un mazzo di fiori.

La nostra società è ormai una società senza padri…

Ecco, tutto qui. La Falconi riduce tutto ad una questione di ruoli, statici e primordiali. Come se la virilità si dimostrasse attraverso il distacco e l’ignoranza per tutto ciò che riguarda la natura della vita… scusate tanto ma io accanto a me voglio un uomo, non un maschio.

Non sono d’accordo con quanto ha scritto: prima di tutto perché credo che avere un figlio sia una decisione ed una responsabilità di coppia, prima durante e dopo. Secondo perché trovo sia una ricchezza condividere la cura di un figlio, anche semplicemente cambiando un pannolino o aiutarlo per i compiti.

Se c’é qualche donna che condivide e supporta il pensiero della Falconi mi dispiaccio molto per lei. Questa visione retrograda  e superficiale rivela solo una grande inadeguatezza verso la vita, dal mio punto di vista.La staticità dei ruoli fine a se stessa non deve esistere, attraverso questo schema di pensiero non si potrà mai evolvere e, conseguentemente, migliorare.

Sostenere che i “mammi” non sono padri perché partecipano attivamente alla crescita dei figli é comecontinuare a  pulirsi il sedere con il giornale piuttosto che con la carta igienica perché é troppo morbida.

Medioevo Italiano, l’affaire Charlie Hebdo

In queste ore si sprecano le dichiarazioni pubbliche, gli atti di solidarietà appecorata, l’affermazione di i gruppi politici (italiani tra tutti) che richiedono a gran voce la “Libertà d’espressione”. Da qui, posso solo intuire l’entità della cosa e cercare di proporre una riflessione.

Gruppi politici e persone che, nella maggior parte dei casi, non tollerano di vedere preso in giro nemmeno il proprio cane. Sto pensando a Matteo Salvini della Lega Nord, nello specifico. Uno (tra le centinaia di politici italiani) che detesta essere messo alla berlina, che taccia i bravi giornalisti di essere dei luridi, miseri, bastardi senza rispetto.

In una tragedia come quella di Charlie Hebdo, in un momento come questo, si fa una gran bella figura a tenere il cartello #jesuisCharlie in mano, farsi ritrarre come paladini della libertà e della democrazia. Perchè, e i politici italiani lo sanno bene, é l’apparenza quella che conta.

I giornalisti di Charlie Hebdo sono oggi giustamente celebrati come martiri in nome della libertà d’espressione, ma guardiamo in faccia la realtà: se avessero cercato di pubblicare il loro giornale satirico in qualsiasi campus universitario degli Stati Uniti, negli scorsi 20 anni, non sarebbero durati mezzo minuto. Gli studenti ed i rappresentanti di facoltà li avrebbero accusati di fomentare l’odio. Le amministrazioni gli avrebbero tagliato i fondi per farli tacere definitivamente. […]

The journalists at Charlie Hebdo are now rightly being celebrated as martyrs on behalf of freedom of expression, but let’s face it: If they had tried to publish their satirical newspaper on any American university campus over the last two decades it wouldn’t have lasted 30 seconds. Student and faculty groups would have accused them of hate speech. The administration would have cut financing and shut them down. […]

Il resto dell’articolo lo trovate qui: I am not Charlie Hebdo

In Italia, nei mesi passati, quando si sono sollevate questioni spinose riguardanti la libertà d’espressione a casa nostra (penso al film La trattativa continua di Sabina Guzzanti, al caso del cane impiccato a Telejato) nessuno si é preoccupato di difendere il diritto di dire la verità, di cercare di togliere il nostro paese dal Medioevo morale e civile nel quale è piombato negli ultimi vent’anni. I bravi giornalisti ed i pensatori indipendenti portano continuamente a galla il lerciume del Mare Nostrum, i corpi gonfi di ingiustizia lasciati a marcire, i le opinioni provocatorie lasciate naufragare. Siamo molto molto bravi, pero’, quando si tratta di additare un problema lontano, qualcosa che sposta il nostro naso dalla puzza della merda che abbiamo pestato per annusare una ben più rassicurante ascella.

Gli istantanei paladini della libertà di pensiero (cliccate qui per approfondire) non sanno, o non ricordano, che accettare le differenze non significa abbracciarne l’esistenza ma prenderne atto, sapere, conoscere. Io non sono personalmente d’accordo con molte delle vignette satiriche che in più di ogni occasione sono state pubblicate dal settimanale francese ma penso altresi’ che per i giornalisti, i liberi pensatori e gli artisti sia doveroso e necessario scuotere le coscienze. E’ questa la libertà d’opinione: dire, sostenere un’idea in modo civile senza venire giustiziato. In Italia purtroppo ogni idea divergente viene vissuta come se venisse messa in discussione la nostra intera esistenza. Questo é da collocarsi sotto la voce “xenofobia”.

difendere la libertà d’opinione vuol dire accettare i messaggi di cui siamo antagonisti, non dare libero sfogo alla vostra bestialità solitamente frenata dal vostro essere quotidianamente benpensanti.

Libernazione, Dan Marinos, 7 Gennaio 2015

Sono triste, ma non per questo meno determinata. So che é la pluralità di opinioni che fa grande una democrazia. Dobbiamo pero’ essere capaci di comperndere la differenza tra censura e paura della diversità. Ci sono troppi esempi in questo senso, da noi.

So che per ogni Matteo Salvini ci sono due Stéphane Charbonnier.

Per ogni Marine Le Pen due Sabina Guzzanti.

Lo so. Spero solo di non dimenticarlo mai, nemmeno in un momento come questo.

Charlie H.