All by myself…

Così recitava la canzone del 1975 di Eric Carmen. All’interno del film “il diario di Bridget Jones” la protagonista la cantava in un momento di solitudine e depressione, proprio per il fatto che si trovava da sola, senza un uomo e con una prospettiva di vita solitaria. Io, stasera, escludendo la prospettiva di vita solitaria e la mancanza di un uomo, mi sento così, senza gioia, solo e sconsolato.

L’Elly è via e io sono rimasto a casa. Da solo. Triste… Che devo dire… mi manca l’Elly!

Aaaallll by myseeeelfffff! Don’t wanna be aaallll by myyyyselfff anymooooreeeee!

Andre

Ieri

Ieri è stata una giornata veramente triste… la mia apatia ha raggiunto livelli talmente bassi da non portarmi nemmeno a scavare per approfondire la depressione. E’ strano, ieri c’era il sole. Allora forse non è vero che sono metereopatica… mi piacerebbe essere metereopatica, almeno avrei una scusa banale da impiegare per ogni persona che mi chiede la causa dei cambiamenti d’umore. In realtà non cambio umore molto facilmente, però mi piacerebbe avere una scusa pronta.

Lunatica, come definizione non mi piace granchè: presuppone affinità astrali che richiedono un costante aggiornamento.

Metereopatica è già stato scartato perchè, per definizione il mio umore dovrebbe cambiare con il tempo atmosferico. In più bisognerebbe essere depressi quando piove, e ieri c’era il sole.

Volubile è troppo ottocentesco e si penserebbe che sono lì lì per svenire… adesso che ci penso mi piacerebbe anche svenire, ogni tanto. Sarebbe una dichiarazione di femminilità e romanticismo alla vecchia maniera. Purtroppo la mia sana e robusta costituzione non me lo permette.

Non riuscendo a trovare una definizione soddisfacente e non riuscendo a svenire per deviare l’attenzione dirò che ieri era una giornata di m***a perchè meritava di esserlo, anche se il clima e gli astri sostengono il contrario! E che cavolo!

Elly

Paroline di cui mi piace il suono

Esistono delle parole italiane che, al di là del significato che possiedono nella realtà, mi piace ripetere mentre penso. Le giro e rigiro sulla punta dei neuroni ed il suono che producono nel mio cervellino ha su di me una sorta di effetto calmante. Sono paroline che mi ripeto nella testa ogni tanto o che saltano fuori all’improvviso. Non so perchè ma mi piacciono, possiedono una musicalità, un ritmo che mi rende gioiosa. Eccone alcune:

  • Pantofola
  • Rubicondo
  • Pozzanghera
  • Fragrante
  • Snocciolato
  • Buio
  • Scintillante
  • Grimaldello
  • Coriaceo
  • Tizzone
  • Nebbia / Nebbioso
  • Posticcio
  • Sfornato
  • Passione
  • Smeraldo
  • Brezza
  • Barlume
  • Erbetta
  • Tardivo

Elly.