Befana!

Ultimo giorno di vacanza il 6 Gennaio! Beh, per lo meno ce la siamo spassata tra le tombole con i fagioli e gli auguri dei parenti che ti stritolano. E’ arrivata l’Epifania e, come da copione, le feste si porta via.

Cravatte ed affini

Mentre sto in macchina e mi annoio andando da un posto all’altro

sì, lo so che c’è la radio e ci sono i CD ma non si ha sempre voglia delle solite cose…

mi vengono in mente una marea di cose su cui non avevo mai ragionato a fondo, oggi per esempio mi sono chiesta a cosa serva la cravatta. E’ un accessorio totalmente inutile, serve solamente per bellezza e molte persone non sanno nemmeno annodarsela bene. Tuttavia, nelle occasioni mondane è richiesta: è  “consigliata”  all’ingresso di alcuni locali, obbligatoria nei casinò, annodata a forza da tua madre a Natale… ma non serve assolutamente a nulla.

sì, lo so che la moda partorisce molte cose superflue e talvolta ridicole…

Assieme alla cravatta poi, sono fiorite una marea di gioielli inutili: il ferma cravatta, le spillette da attaccare, tutte cose di dubbio gusto e terribilmente pacchiane.

E’ da notare poi, che l’abbigliamento definito “elegante” è richiesto in occasioni che dovrebbero essere liete, quindi la cravatta soffocante, le nuove scarpe di pelle, la camicia inamidata, la giacca di lanetta che ti fa sudare come un maiale dovrebbero contribuire ad allietare il gaio giorno.

Non il  tuo, quello degli altri.

Elly

Una riflessione sul Natale (e affini…)

Natale è passato, Santo Stefano pure e tra pochissimo stapperemo lo spumante per festeggiare il nuovo anno. Noi abbiamo mangiato come se non esistesse un domani e, sinceramente, non sappiamo il perchè. Il pretesto è la festa, ma come mai va sempre a finire che dopo i pranzi e le cene pantagrueliche, malediciamo i giorni di festa e non vorremmo che fossero mai arrivati? Abbiamo fatto un sondaggio tra i nostri amici e nessuno di loro riesce a resistere a tre (TRE!) giorni di assalto culinario: cena della Vigilia, pranzo e cenone di Natale, pranzo e/o cena di Santo Stefano diventano una punizione più che una gioia…

Senza contare poi che per tradizione alla cena della vigilia si mangia solo pesce “di magro”, per così dire.

Non sappiamo più cosa pensare, probabilmente perchè i nostri neuroni sono stati spodestati dal colesterolo cattivo in una sorta di golpe alimentare…