Io VS cellulare

Mi è capitato di pensare, sempre più spesso ultimamente, che odio i telefoni cellulari.

Non proprio loro in realtà ma la schiavitù che hanno indotto in tutti noi. Mi spiego meglio: ditemi se non vi è mai capitato di essere fuori con un’amica/collega/fidanzato a chiacchierare  allegramente di qualcosa e poi mentre si è lì, in una magica atmosfera di complicità

DRIIIIIIN!

ROLLOVER BEETHOVEN!

PIPIPI! PIPIPI!

SUDDAIRISPONDIALCELLULAREC?E?QUALCUNOCHETICERCAAAAAAAA!

O qualsiasi altra suoneria che hanno concepito le menti deviate dell’informatica moderna.

E, altrettanto magicamente rispetto all’atmosfera la persona davanti a te estrae dalla tasca (o borsa) il cellulare. Se è donna dopo un po’ perchè la ricerca sarà affannosa ed insensata, nonostante la microbag.

Praticamente non sanno ancora chi/che cosa li sta chiamando però quell’incognita li fa scattare sull’attenti e non esiste più niente che non sia il DOVER RISPONDERE.

Terribile se ci penso.

Negli ultimi tre mesi mi sono sforzata di non sottostare al giogo del telefonino e di finire quello che sto facendo per poi richiamare.

Dura, lo devo ammettere, ma la soddisfazione è enorme.

Ma… adesso che ci penso… cellulare non è anche quella cosa con cui ti portano in prigione?

Sarà un caso? Noi di Voyager crediamo di no (cit.).

Annunci