Animali spiaccicati

Premetto che anche Elio ha scritto un libro con questo titolo ma questo post non vuole parlare di quello.

Credo che sia un opossum...

Credo che sia un procione

Volevo portare l’attenzione di tutti voi cari lettori sulla folla di animali spiaccicati che decorano le strade di campagna: ricci, toponi, gatti e gattini, cani, e gufetti. Tutte le mattine per andare al lavoro prendo le cosiddette “strade basse” e tutti i santi giorni trovo un nuovo animaletto spappolato sull’asfalto. Al guidatore di città, non avvezzo alle stradine strette di campagna forse sembrerà una follia, ma la cruda realtà è che i guidatori travolgono queste bestioline ogni giorno di tutto l’anno. Come scusa ufficiale c’è il “mi ha tagliato la strada… si è buttato sotto la macchina… non lo avevo visto” eccetera, in realtà anche se l’animaletto andava veloce (come potrebbe essere nel caso di cani o gatti) non si può certo colpevolizzare i poveri ricci che, per dovere di cronaca, si chiudono a riccio quando l’asfalto trema per il passaggio delle auto oppure i fari li abbagliano. Sarebbe facile evitarlo facendolo passare attraverso le ruote ma no, non si può, che gusto ci sarebbe poi? Da piccola io ho avuto un migliaio di gatti, dico migliaia perchè in campagna non si perde tempo a castrarli e poi c’è da mangiare in abbondanza per tutti, dico migliaia perchè ogni anno tutte le cucciolate morivano sull’asfalto di fronte a casa e mia nonna li andava a raschiare via dalla strada con la pala. Anche per i miei cagnolini è stato così. Morale: sono talmente traumatizzata che non voglio più animaletti per casa.

E se qualcuno si azzardasse a dire, o solamente a pensare: ma perchè non li tenevi legati? O rinchiusi? Risponderò semplicemente così: “gli animali – tutti gli animali- sono fatti per vivere liberi, la loro unica colpa è non percepire il pericolo nelle scatole metalliche che trasportano gli uomini. E poi, cosa costa andare più piano o fare più attenzione? Si sa che nelle campagne gli animali da cortile non possiedono limiti geografici, tutti quelli che ci passano lo sanno.

Mi fa tanto male vedere questi orribili delitti impuniti. Mi fa soffrire che nessuno pensi che seppur insignificante per la maggior parte delle persone, è sempre una vita che si spegne. Proprio stamattina ho visto un piccolo gattino rosso, avrà avuto due o tre mesi, al bordo della strada, morto. Ed il suo fratellino che lo osservava dal ciglio della carreggiata. Una cosa tristissima. Davvero indegna ed inumana per chiunque abbia commesso quell’atto. La maggior parte dei guidatori non si ferma nemmeno a raccogliere o segnalare alla casa più vicina l’osceno atto.

Che tristezza. E pensare che quando vogliamo offendere qualcuno per fargli pesare una grave mancanza, di solito chiediamo”Ma sei un uomo o un animale?”

Annunci

Lascia un commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...