A proposito di Alessandro V. Borghese

Questo post nasce dalla caduta a picco dei miei feromoni dopo che Alessandrovibborghese è diventato chiattone.

Lo so, è successo già da un po’ ma prima di indignarmi ho provato ad aspettare che si rimettesse in forma, che tornasse il bellone di un tempo. Invano. Sembra proprio che il matrimonio lo abbia inchiattato ben bene. Forse la Vilma pensa che così potrà tenerselo più stretto. Oppure hanno scoperto le maniglione antipanico dell’amore. Vabbè, è inutile per me ricercare un motivo all’origine del decadimento fisico di questo bel (ex) ragazzone dal congiuntivo sfuggente e dalla chioma ribelle.

Anche perchè della sua vita privata ne hanno già parlato qui e non mi sembra giusto continuare a sparare sulla Croce Rossa.

Comunque, tornando al post. Finchè Alessandrovibborghese è rimasto quel che era, cioè un bel pezzo di manzo, ho soprasseduto sul fatto che non sapesse minimamente come si fa la pasta all’uovo. Ho portato pazienza perchè al suo bel faccino si poteva perdonare tutto, ma ora no. Non posso più guardarlo mentre “impasta” schizzinoso, con la punta delle sue paffute ditine l’uovo con la farina. Se ne sta lì, con il suo mini taglierino, la farinina, le uovine a tentare di amalgamare il tutto con un tocco inutilmente sfarfallante.

Per chi, come me, ha la fortuna di avere visto la nonna fare la pasta all’uovo in casa, sa benissimo che il metodo usato da Vibborghese è un insulto al buon senso. E poi, aggiungi l’acqua all’impasto? Ma cosa fai? Se a scuola di cucina ti hanno insegnato queste cose devi farti ridare indietro i soldi… ma davvero!

Dulcis in fundo, dopo avere “impastato” un panetto appiccicoso, Vibborghese afferma con veemenza: “Dovete lasciarla riposare in frigorifero almeno un’ora!” Non commenterò nemmeno questa affermazione perchè sarebbe come spiegare ad un pesce quanto fa bene prendere il sole in estate.

Allegherò semplicemente questo video, così da dimostrare anche a chi non ha avuto la fortuna di una nonna brava negli impasti, come si fa la pasta all’uovo.

kkkkkkkk

kkkkkkkk

p.s: qualcuno ha idea del significato della V. sulla sua divisa? Per cosa sta? Valerio, Veronico, Valentino?

Annunci

10 thoughts on “A proposito di Alessandro V. Borghese

  1. Cara… diffidare da un cuoco magro!!!
    ahahahahahaha
    è il motivo per cui all’inizio non mi fidavo di Montersino… troppo in forma per essere un pasticcere!!! ahahahahahahahahahahhahaha

  2. La V. potrebbe stare per qualcosa di censurabile…. la decenza mi impone di non pronunciarmi!
    Comunque, voto questo come POST DELL’ANNO.
    Lo aspettavo con ansia e non mi ha deluso!!!!

    Bello bello bello in modo assurdo!
    Tanto lovvo

  3. Mmmhhh, i bei tempi in cui sgambettava per le case degli “ospiti”! Così testosteronico!
    Ma la mugliera evidentemente non è un buongustaia e lui in un qualche modo deve darsi soddisfazione…. (maligna mode on)

  4. Sono partecipe alla tua disperazione, anch’io lo trovo sempre meno attraente e “poco cuoco”, in effetti quella pasta all’uovo è un’eresia…peccato però! Al momento il mio preferito è Jamie Oliver, bravo, simpatico e figo al punto giusto!

  5. Mai piaciuto sto buzzico, ora meno che meno! nelle poche volte che ho resistito al metter mano al telecomando non ho trovato nessun amore viscerale per il cibo e la cucina, ma solo un hobby coltivato perchè probabilmente aveva il culo parato dai soldi di mammà..
    Jamie Oliver tutta la vita!

  6. Eh… che vi devo dire… continua ad aggravare la sua posizione trafiggendo i piatti con erbe aromatiche direttamente sradicate e conficcate nelle pietanze.
    Sono sempre più triste. Ormai rassegnata.

  7. Questo post è semplicemnte ridicolo! Lui anche con 30 kg in più ha un carisma e una simpatia che tu cara mia non avrai mai! Ma poi che senso ha paragonare come faceva la pasta all’uovo tua nonna a come invece la fa lui? Intanto avrà dovuto rispettare delle esigenze televisive e poi in ogni caso le ricette classiche si possono anche rivedere! Ma chi sei tu per giudicare? Una “cheffa” professionista? Ma per piacere! Di sicuro il fatto che è figlio d’arte lo avrà certamente aiutato ad arrivare dov’è, ma è innegabile che è bravo e che il suo successo se l’è certamente saputo mantenere! Almeno lui si differenzia dalla massa di trasmissioni di cucina che ormai trovi ovunque! Vai Ale continua cosi, non ascoltare queste 4 ….. (riempi i puntini come meglio credi) 😉

  8. oh mio Dyo! Sarina!
    Che commento acido e poco edificante.
    Per rispondere al tuo commento (solo le parti educate, intendo): sono convinta che no, la pasta in casa NON si faccia così, nemmeno per esigenze televisive.
    Poi, in merito alla simpatia… credo che ognuno abbia diritto di decidere autonomamente se lo trova spiritoso o meno. Io, personalmente, ho la mia idea, un po’ emerge dal post un po’ no ma va bene così, non si parla mica di me.
    Concludo dicendo che sicuramente quando Alessandrovibborghese passerà di qui e leggerà il tuo commento lo troverà di grande conforto dopo il post ed i commenti di ‘sti quattro puntinari.
    D’altra parte si è scelto un lavoro che non attira l’attenzione ( e le critiche) di nessuno, defilato, poco appariscente, lontano dalle luci della ribalta.
    Ciao.

Lascia un commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...